POCHE SEMPLICI REGOLE PER RACCOGLIERE FUNGHI IN SICUREZZA
FUNGHI VELENOSI MORTALI
EDULII_funghi_eduli.html
VELENOSIhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/I_funghi_velenosi.html
Se hai una domanda da fare, clicca QUIhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlshapeimage_5_link_0

I QUATTRO GRANDI ASSASSINI

MORTALIhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/I_funghi_velenosi_mortali.html
TOSSICII_funghi_tossici.html
 
 

I funghi velenosi mortali.

di funghi si può morire


Amanita Phalloides     FUNGO VELENOSO MORTALE

Amanita Virosa               FUNGO VELENOSO MORTALE

Amanita Verna                 FUNGO VELENOSO MORTALE

Cortinarius Orellanus FUNGO VELENOSO MORTALE


I funghi velenosi mortali.

Ogni anno qualcuno muore perché ha mangiato funghi velenosi che non aveva riconosciuto. In genere non si tratta di inesperti, ma di ignoranti. Gli inesperti si guardano bene dal consumare funghi che non conoscono. A rischio sono invece tutti coloro che vanno da tempo in cerca di funghi e ne mangiano tranquillamente, basandosi su convinzioni spesso sbagliate. Per esempio, che i funghi di una determinata zona siano tutti buoni, perché non si è mai sentito di un avvelenamento da quelle parti. Essi ignorano che in qualsiasi momento il vento può trasportare spore di Amanita Verna vicino ad una fungaia di prataioli.

                

Foto di Corrado Pace
  FUNGAIA DI PRATAIOLI


Un’amanita non può attecchire su una fungaia, ma vicino ad essa, si. Se poi la raccolta non è una passeggiata ristoratrice per il corpo e per la mente, ma una corsa frenetica fatta all’alba o addirittura ancora con il buio, per arrivare prima degli altri e magari sentendo già dietro di sé il rumore di un altro forzato della raccolta che sta arrivando, ecco che si raccoglie tutto ciò che sia rotondo e bianco. In fretta e quasi senza guardare, mentre bisognerebbe osservare con attenzione. Così nella busta di plastica (difficilmente un raccoglitore  di questo tipo userà il cestino) assieme ai prataioli ci finisce qualche Amanita Verna o Phalloides, due dei quattro grandi assassini. Mi viene da pensare al mio amico Onofrio. Dietro la sua casetta di Bugnara raccoglie sui tronchi di alcuni ulivi chiodini, piopparelli ed ogni fungo vi attecchisca, convinto che su un ulivo non possa nascere un fungo velenoso.  Ho provato invano a farlo ricredere, mostrandogli anche un libro di micologia, ma niente smuoverà mai la sua convinzione che si è fatto in quasi settanta anni (ne ha settantacinque) di raccolte e scorpacciate. Spero tanto per lui che su quelle piante non attecchisca mai la velenosa clitocybe olearia.     

                                       
   clitocybe olearia

Immagine by Saharadesertfox licenziata in base ai termini delle licenze

Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 2.5                                  

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Omphalotus.jpg



Un minimo di prudenza e buon senso, osservando le semplici indicazioni di questa chiacchierata, equivale a stipulare una vera e propria “assicurazione sulla vita” per chi va per funghi perché i “grandi assassini” sono solo quattro, eccoli:



AMANITA PHALLOIDES



FOTO:

www.mushroomobserver.org/11977?search_seq=458487


Fungo slanciato di colore generalmente olivastro ma che può variare verso il bianco. Anello cascante. Volva ampia.




AMANITA VERNA

foto di Roberto Petruzzo


http://it.wikipedia.org/wiki/File:100_6289.JPG


Fungo del tutto simile alla phalloides, tranne che per il colore bianco. Specie primaverile. Se ne possono trovare anche in autunno, ma più che verna tardive probabilmente si tratta di phalloides bianche. Sono causa di avvelenamenti mortali in chi crede di aver raccolto prataioli.




AMANITA VIROSA

foto di B.Baldassari


http://en.wikipedia.org/wiki/File:Amanita_virosa_02.jpg


Fungo bianco come la verna. Il cappello però, contrariamente alla verna ed alla phalloides, non diventa spianato da adulto, ma resta campanulato. Ha un anello fioccoso el il gambo lanuginoso.







CORTINARIUS ORELLANUS




(foto http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Archenzo)



L’unico dei quattro funghi mortali non appartenente al genere amanita. Niente volva, né anello, né lamelle candide. Queste sono rosso ruggine come il cappello. Il gambo, inizialmente giallo, ben presto assume il tipico color ruggine per via del colore delle spore. Contrariamente alle eleganti amanita è insomma un fungo brutto.





Tre dei “grandi assassini” fanno parte del genere Amanita ed uno del genere Cortinarius. Entrambi i generi possiedono delle chiavi di identificazione assolutamente evidenti. Lo scopo di questa chiacchierata è quello di fornire un criterio certo d’individuazione di questi due generi per escluderne in blocco tutte le specie dalla nostra scelta.

E’ vero che, così facendo, si rinuncia a priori all’eccellente Amanita caesarea (foto in basso),



(la foto a sinistra è di Corrado Pace, quella a destra è di Archenzo ed ha ottenuto la candidatura al  Premio Immagine dell'anno 2006)

 

peraltro facilmente distinguibile dalle altre amanite, ma è altrettanto vero che chi vuole imparare a conoscere sul serio i funghi che mangia, ha bisogno di tempo per riflettere; di tempo per osservare direttamente; di tempo per confrontare. Riconoscere un’Amanita Caesarea è facilissimo, ma per gli ovoli buoni (le caesaree, appunto) ci sarà tempo e modo, mentre imparare a riconoscere un’amanita in quanto tale è talmente più importante e fondamentale che, francamente, non mi sento in una chiacchierata come questa di addurre la minima eccezione alla regola:

RICONOSCI SUBITO UN’AMANITA E LASCIALA LI’.

(n.b: Quando ci si imbatte in un esemplare sviluppato e dal colore tipico evidentissimo come quello della foto di Archenzo l’eccezione si può fare, ma non è sempre così. L’esemplare immaturo che si intravede tra le foglie, ad esempio, a causa del velo ancora integro, si presenta completamente bianco).






Tre sono gli elementi che individuano le amanite:

la volva, l’anello e le lamelle bianche.


LA VOLVA

        


Attenzione

In due casi potremmo non accorgerci della volva:


1)    Se tagliamo il gambo, invece di cogliere il fungo intero

La volva è rimasta nel terreno


2)    Se osserviamo solo superficialmente il fungo

La volva, poco appariscente, non si presenta come un cappuccio, ma piuttosto come un semplice ingrossamento del gambo (cosa assai frequente per le Amanita: Muscaria, Pantherina, Aureola, Rubescens, Junquillea, Citrina e Spissa).


LE  LAMELLE


      

Le lamelle bianche sono un importantissimo elemento d’identificazione. Attenzione: non bianco sporco, crema o avana: le Amanita, anche negli esemplari maturi, hanno sempre le lamelle bianche. Se si tenesse conto di ciò,  molti avvelenamenti sarebbero evitati. Le Amanita Verna, infatti, spesso vengono prese per prataioli.  Se durante la raccolta si taglia il gambo anziché cogliere il fungo intero, la volva resta nel terreno. L’anello non insospettisce, perché anche i prataioli ce l’hanno ed allora l’ultima possibilità per non commettere un errore mortale resta quello di osservare il colore delle lamelle. Solo nelle amanita le lamelle restano bianche anche nel fungo adulto. Nei prataioli esse diventano ben presto bianco sporco, poi nocciola, avana e marrone scuro.


L’ANELLO


   Amanita Verna

www.mushroomobserver.org/image/show_image/34392 obs=16230&search_seq=458487&seq_key=478073

L’anello è un residuo del velo secondario o parziale (in verità esiste anche un anello proveniente dal velo generale) che inizialmente si trova al di sotto del cappello, a protezione dell’imenio. Giungendo le spore a maturazione, il velo esaurisce la sua funzione e perciò cade. Nella maggior parte dei casi sparisce del tutto, senza lasciar traccia, ma in alcune specie, come in tutte le amanite, esso si stacca dal bordo inferiore del cappello, ma non dal gambo, formando così l’anello.


Un anello vistoso è tipico del genere amanita, ma ne sono provvisti anche i generi Lepiota, Psalliota, Armillaria e Pholiota; quindi esso rappresenta un campanello d’allarme, non l’identificazione di un’Amanita, come invece avviene per la volva.


Concludo con due equazioni ciascuna delle quali esprime una condizione necessaria e sufficiente per identificare un’Amanita:


1)   VOLVA = AMANITA (o volvaria)
  2)   ANELLO + LAMELLE BIANCHE = AMANITA


Ricordiamoci che il quarto fungo mortale, il CORTINARIUS ORELLANUS. non appartiene alla famiglia delle Amanite, ma a quella dei Cortinari. Di esso parlerò prossimamente, come pure dei funghi fortemente tossici e di quello che più sopra ho definito “il quinto fungo mortale”.





I CORTINARI


I cortinari sono funghi non buoni, quasi sempre amari, brutti da vedere, comprendono diverse specie tossiche e l’Orellanus è il più subdolo e pericoloso tra i funghi velenosi mortali. Per questo, presenteremo un’unica eccezione alla regola:


RICONOSCI SUBITO UN CORTINARIO E LASCIALO LI’


I cortinari non hanno né volva né anello. Da giovani, cappello e imenio sono avvolti da un’unico velo, detto cortina (da cui il nome) che poi scompare, senza formare anello. Da adulti, le lamelle, inizialmente di vari colori, mai bianche, assumono il brutto color ruggine caratteristico, a causa delle spore di tale colore. Anche il gambo, specialmente nella parte alta, assume presto, e per lo stesso motivo, lo stesso colore.

   
foto Michaelll            
Vincenzo Migliozzi    
foto Eric Steinert

                                                                                                                   

Nella prima delle quattro foto si nota la cortina ancora parzialmente attaccata alla parte inferiore del cappello. Le altre tre raffigurano differenti varietà di orellanus. Il colore del gambo non è bruno-rossiccio, come potrebbe sembrare, ma giallognolo, come quello sezionato nella seconda foto mostra. Le spore color ruggine, infatti, ben presto danno il loro colore a tutto il fungo.


Amici miei, guardateli bene i funghi della seconda, terza e quarta foto ed imprimeteveli bene nella memoria e ... statene alla larga! Non raccogliete nulla di ciò che gli assomiglia anche vagamente. E se così facendo trascurerete qualche Inocybe e qualche Hebeloma, meglio così, perché molte specie di questi generi sono tossiche, e quando parleremo di essi, suggeriremo di scartarli in blocco, come alimenti.


Del fungo della prima foto va memorizzata quella specie di ragnatela che costituisce la cortina. Solo i cortinari ce l’hanno, quindi:


SE UN FUNGO HA LA CORTINA E’ UN CORTINARIO, LASCIALO LI’ ...


... A meno che non sia un Cortinarius Praestans, l’unico cortinario commestibile ottimo in una famiglia (avremmo dovuto dire genere) di assassini.


Però ATTENZIONE: NON CONSUMATE NESSUN CORTINARIO E NESSUNA AMANITA, fin quando non avrete maturato un’ottima preparazione teorico-pratica, SENZA  IL PARERE PREVENTIVO DI UN MICOLOGO ESPERTO E CERTIFICATO!


Il Cortinarius Praestans, al contrario di quelli velenosi, è un cortinario di taglia robusta, come la foto evidenzia. (Il primo piano della foto però non inganni, si tratta di funghi robusti, ma non enormi. Il loro cappello può misurare dai cinque ai venticinque centimetri ed il gambo, pieno e panciuto, dai dieci ai venti centimetri d’altezza per quattro/sei centimetri di larghezza). Anche la prima delle quattro foto precedenti rappresenta un Cortinarius Praestans. Nè questo né la coppia presentano alcuna sfumatura rosso ruggine. E’ perché in entrambi i casi si tratta di esemplari molto giovani, in cui la cortina è ancora presente, e l’imenoforo ancora non ha iniziato a produrre le spore. Nel cortinario più piccolo della coppia, si vede chiaramente come il velo, prima d’essere lacerato dalla crescita del fungo, lo avvolga completamente.






Una domanda



per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI


  1. Vincenzo Uccellatore

Buongiorno e complimenti per l'articolo sul web. Ho raccolto questi esemplari nella mia proprietà. Desidererei conoscere cosa sono, premetto che a toccarli non cambiano colore.


Attendo una risposta se possibile.

Un'altra domanda : i lyophillum decastes come si fa a identificarli con sicurezza ?


  1. risposta a Vincenzo

Caro Vincenzo, grazie per i complimenti. I funghi da te raccolti sono i cosiddetti “pinaroli” o “pinarelli”, piccoli boleti che comprendono alcune varietà di funghi simili tra loro, tutte commestibili. Abbi però l’accortezza di privarli della cuticola prima di cuocerli. Naturalmente deve trattarsi di  esemplari sodi e privi di larve, come sembrano quelli delle foto. A me piacciono fritti su crostini di pane.

Meno facile è la risposta alla seconda domanda. La Clitocybe (Lyophillum) descates è facilmente riconoscibile dalle sue simili quando assume un colore cuoio, ma nelle varianti brunastro-grigio con tendenza al biancastro, può confondersi con la Clitocybe cinerascens e, talvolta, con la nebularis. Ma il punto è: sei in grado di riconoscere una Clitocybe in quanto tale? Se si, sai individuare con precisione le varietà dealbata, cerussata e rivulosa, tossiche? Inoltre, per evitare il rischio di cogliere il pericoloso Entoloma lividum, sai distinguere con certezza tra lamelle libere (Entoloma) e lamelle decorrenti (Lyophillum)?

 
I FUNGHI

Non c’è amante della natura che durante le sue sgambate lungo boschi, radure e pascoli non si sia imbattuto nei funghi, discreti ed un po’ misteriosi abitanti di questi luoghi. Sembrano spuntare quasi dal nulla: ieri non c’erano ed oggi il bosco ne è pieno.
Sembrano piante, ma non lo sono, essendo privi della funzione clorofilliana; si nutrono di sostanze organiche come avviene nel mondo animale, senza però appartenergli.
Per poterli descrivere, è necessario introdurre un minimo di terminologia. Va innanzitutto precisato che ciò che chiamiamo comunemente fungo, in realtà è un carpoforo, cioè il “frutto” gigantesco di quella minuscola “pianta” che è il micelio. Dunque ad essere pignoli per fungo dovremmo intendere l’insieme micelio+carpoforo (“pianta” + “frutto”),  ma naturalmente in questa chiacchierata non lo faremo.

PARLIAMONEINSIEME
Tre siti in uno









Home page di
PARLIAMONEINSIEME cultura

Home page di
PARLIAMONEINSIEME tempolibero

Home page di
PARLIAMONEINSIEME religione

 

visita la pagina
INDEX


aggiornati con la pagina
MAPPA DEL SITO

 Ogni famiglia fungina si suddivide in gruppi. Ogni gruppo in generi. Ogni genere in specie. La specie indica il singolo fungo, è il suo nome di battesimo. Il suo cognome, invece, non è come per le persone quello della famiglia, bensì quello del genere. Nei dizionari i carpofori sono elencati in ordine alfabetico per cognome e nome (genere e specie). Non mi addentro ulteriormente in questo discorso per due motivi. Primo, questa è una chiacchierata tra amici e non un trattato di micologia. Secondo, la mia formazione teorica si rifà allo schema del Fries, seguito da Bruno Cetto, mio maestro. Nel frattempo sono passati trent’anni e le classificazioni si sono molto differenziate ed ampliate. Praticamente ogni scuola micologica adotta una sua propria classificazione. I fondamentali però non cambiano.








I QUATTRO GRANDI ASSASSINI

Ho affibbiato l’appellativo di grandi assassini a questi quattro funghi perché chi ne mangia quasi certamente morrà. Primo, perché il veleno di un solo esemplare è sufficiente ad uccidere. Secondo, perché i sintomi dell’avvelenamento sono tardivi (non prima di sette-otto ore per le amanite ed anche due settimane per il Cortinarius orellanus) e rendono inutile il primo, più semplice e, se tempestivo, più efficace rimedio contro le intossicazioni in genere: la lavanda gastrica. Terzo, perché il malessere non è dovuto alla reazione dell’organismo alle sostanze tossiche, bensì al cattivo funzionamento di organi già danneggiati in maniera grave ed irreversibile. Paradossalmente, i funghi che oltre alle amanitine ed alla cosiddetta orellanina contengono anche altre sostanze tossiche, sono meno pericolosi perché quest’ultime produrranno sintomi immediati che consentiranno un tempestivo intervento medico. Se ciò non avviene, Il veleno viene assimilato e penetra all’interno delle cellule epatiche (prevalentemente le amanitine) e di quelle renali (prevalentemente le orellanine) e le distruggono con un rapidissimo processo a catena. Senza fegato, la vita è impossibile: niente più formazione di sangue, né di enzimi preposti all’intero metabolismo. Scompenso profondo di tutti gli organi principali. Le cellule epatiche morte non possono essere più rimpiazzate, quindi nessuna guarigione. In una parola, trapianto o morte (o vita dimezzata). Ecco perché le amanite phalloides, virosa e verna, ed il Cortinarius orellanus, malgrado gli interventi clinici più avanzati che in questi ultimi anni hanno fatto grandi progressi, sono e restano i quattro grandi assassini.


Una domanda


per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI 


Flavio Arnaudo
Ho trovato in giardino, a Rivalta di Torino, un "gambo di un fungo". Quando L'ho raccolto x buttarlo, l'ho sentito viscido .
Vorrei sapere se il cappello del fungo lo avesse mangiato il cane, come mi devo comportare.Vi allego la foto. Grazie.








PARLIAMONEINSIEME
Tempo libero
un sito di PARLIAMONEINSIEME

CONTATTI
tempolibero@parliamoneinsieme.it



indice

All’aria aperta
I funghi mortali: i 4 grandi assassini                       
I funghi velenosi
Domande sui funghi
Orate a bolentino
Pesca dell’occhiata
Pesca del cappone
Come si innesca la cozza
Le ‘poste’ in mare
Pesca dello sgombro
Pesca in Austria
Pesca del luccio
Pesca col rezzaglio
Il volo dei rondoni
Giardinaggio

Scritti dal cassetto
I versi di smemorino
Pensieri in libertà
La pagina di Carlo Sani
La pagina di Anna Di Donato
Pensavo di trovare l’inferno ed invece c’era Dio                                                           
Solitudine allo specchio
Somewhere
Biutiful
Una vita tranquilla
Il villaggio di cartone
L’arte italiana dal 1900 ad oggi
Fantasmino
Barzellette 

Viaggi
Namibia
Usa Old West
Equador & Galapagos 
Perù 
Malta
Nepal
India
Messico e Guatemala
Egitto
Canadà
Costa Rica
Usa Wild West

ASD Associazioni Sportive Dilettantistiche
ASD Il Progetto Nassa
ASD abuso di diritto o occasione da cogliere?
ASD i pagamenti in contanti
ASD le palestre fitness
ASD lo Statuto
ASD le sponsorizzazioni
ASD sostenitori ed oppositori
ASD Federazioni e C.ON.I.
ASD forum Associazioni

Varie
Internet




Le Amanite sono funghi di medie e grandi dimensioni, dal portamento slanciato ed elegante, tipico, e dal colore quanto mai vario. Esso varia dal bianco candido (virosa; verna; solitaria), al bianco sporco/olivastro (phalloide) all’arancio carico (caesarea), al rosso vivo (muscaria), al bruno (panterina). Tutte hanno tre elementi che le individuano certamente come amanite: la volva, l’anello e le lamelle bianche. 


La volva è un residuo del velo generale. Cioè della sottile membrana che avvolge il fungo nello stadio iniziale, facendolo simile ad un uovo. Si presenta come un cappuccio con l’apertura verso l’alto dal quale emerge il gambo del fungo.



Se trovi un fungo slanciato che ha la volva, è un’amanita: lasciala lì.




Quindi, se trovi un fungo che SEMBRA non avere la volva, non fidarti ancora: osserva se ha l’anello e soprattutto il colore delle lamelle. Se ha l’anello e nello stesso tempo le lamelle sono bianche, è un’amanita: lasciala lì!


Attenzione


Quindi, se trovi un fungo che SEMBRA non avere la volva, non fidarti ancora: osserva se ha l’anello e soprattutto il colore delle lamelle. Se ha l’anello e nello stesso tempo le lamelle sono bianche, è un’amanita: lasciala lì!




Attenzione

Una domanda


per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI 


Nick
Tra i funghi velenosi non è citata (anche se una se ne intravede parlando di volva) l’amanita muscaria, quella rossa con i pallini bianchi che ho sempre considerato il classico fungo velenoso. Perché?






Una domanda


per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI 

Roby
Parlando di amanite, si dice più di una volta: “riconosci subito un’amanita e lasciala lì”. Sono d’accordo sull’importanza di riconoscerla subito, ma perché lasciarla lì? Non sarebbe meglio prenderla a calci, in modo che non possa più nuocere?


PARLIAMONEINSIEME
coordina anche

PARLIAMONEINSIEME Cultura
e
PARLIAMONEINSIEME Religione


Indice

PARLIAMONEINSIEME cultura

Poesia
Márcia Theóphilo - Voce dell’Amazzonia e del mondo
Beatrice Niccolai - Donna e Poetessa
Goliarda Sapienza - Non sapevo 

Architettura
BSI Swiss Architectural Award 2012

Società
Rivoluzione culturale!
Liberare la bellezza (S.O.S. Bussi)
I nostri figli: evitiamone la fuga in se stessi
La pagina di Ennio Di Francesco
La pagina di Alberto
I valori etici
Music is life
Eventi

Recensioni e saggi
L’Italia s’è ridesta
12 di Nikita Mikhalkov
Primo Levi: incidente o suicidio ?
Se questo è un uomo
Prof. Freud, lei mi mette in imbarazzo

Narrativa
Silenzio muto
Voce di chi non ha voce
I ragazzi dello zoo di Roma
Silvia Marazzina
Volevo chiamarmi Anna

Arte
Tommaso Gatti


PARLIAMONEINSIEME Religione

Medjugorje
Medjugorje: dobbiamo preoccuparci?
I messaggi di Medjugorje
I dieci segreti
I sei veggenti
Vicka e l’aldilà
Jakov e l’aldilà
Jakov e il decimo segreto
Il Podbrdo e il Krizevac
Petar Ljubicic e i 10 segreti

Rosario
Rosario per la pace
Fonti dei misteri

Testimonianze
La luce nell’anima
Pace!
Dio esiste: io l’ho incontrato
Madonna del Miracolo
San Pio da Pietrelcina

Leggiamo la Bibbia
Leggiamo la Bibbia
Struttura della Bibbia
Nuovo testamento
Lettere
Il buon Samaritano
Perché Pietro?
Abramo e Isacco
Inno alla carità

Discussioni sulla fede
Sepolcri imbiancati
I confini dell’amore
Creazione ed evoluzione
Educazione alla fede
L’anno della fede        

Devozioni
Divina Misericordia - I primi nove venerdì del mese
Preghiere
Lodi Mattutine

Sussidi
Annuario Italiano

Link utili (SANTA SEDE     CEI     Bibbia.net)
CULTURA.htmlTEMPO_LIBERO.htmlRELIGIONE.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.itMappa_del_sito.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlindex.htmlmailto:tempolibero@parliamoneinsieme.it?subject=I_funghi_velenosi.htmlDomande_sui_funghi.htmlOrate_a_bolentino.htmlOrate_a_bolentino.htmlOrate_a_bolentino.htmlOrate_a_bolentino.htmlOrate_a_bolentino.htmlPesca_dello_sgombro.htmlPesca_in_Austria.htmlPesca_del_Luccio.htmlPesca_col_rezzaglio.htmlIl_volo_dei_rondoni.htmlGIARDINAGGIO.htmlCorrado_pace__parole_in_versi.htmlPENSIERI_IN_LIBERTA.htmlCarlo_Sani.htmlAnna_Di_Donato.htmlPensavo_di_trovare_linferno_ed_invece_cera_Dio.htmlPensavo_di_trovare_linferno_ed_invece_cera_Dio.htmlSolitudine_allo_specchio.htmlSomewhere.htmlBiutiful.htmlUna_vita_tranquilla.htmlIl_villaggio_di_cartone.htmlLArte_italiana_dal_1900_ad_oggi.htmlFantasmino.htmlBarzellette.htmlhttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=189:namibia&catid=23:i-nostri-diari&Itemid=494&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=173&Itemid=316&lang=it&limitstart=0http://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=47&Itemid=183&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=54&Itemid=182&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=53&Itemid=190&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=52&Itemid=185&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=51&Itemid=184&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=50&Itemid=181&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=49&Itemid=188&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=48&Itemid=179&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=5&Itemid=178&lang=ithttp://www.begnonsoloviaggi.com/index.php?option=com_content&view=article&id=6&Itemid=176&lang=itASD_Il_Progetto_Nassa.htmlASD_Abuso_di_diritto_o_occasione_da_cogliere.htmlASD_Abuso_di_diritto_o_occasione_da_cogliere.htmlASD_i_pagamenti_in_contanti.htmlASD_le_palestre_fitness.htmlASD_lo_Statuto.htmlASD_Sponsorizzazioni.htmlASD_sostenitori_ed_oppositori.htmlASD_Federazioni_e_C.O.N.I..htmlASD_Forum_Associazioni.htmlInternet.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlCULTURA.htmlRELIGIONE.htmlCULTURA.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Marcia_Theophilo.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Marcia_Theophilo.htmlBeatrice_Niccolai.htmlNon_sapevo.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/BSI_Swiss_Architectural_Award.htmlRivoluzione_culturale.htmlLiberare_la_bellezza.htmlI_NOSTRI_FIGLI.htmlI_NOSTRI_FIGLI.htmlEnnio_Di_Francesco.htmlAlberto.htmlI_valori_etici.htmlMusic_is_life.htmlEventi.htmlLItalia_se_RIdesta.html12_Nikita_Mikhalkov.htmlPrimo_Levi.htmlSe_questo_e_un_uomo.htmlFreud,_mi_mette_in_imbarazzo.htmlSilenzio_muto.htmlVoce_di_chi_non_ha_voce.htmlI_ragazzi_dello_zoo_di_Roma.htmlSilvia_Marazzina.htmlVolevo_chiamarmi_Anna.htmlTommaso_Gatti.htmlRELIGIONE.htmlMEDJUGORJE.htmlI_messaggi_di_Medjugorje.htmlI_dieci_segreti.htmlI_6_veggenti.htmlVicka_e_laldila.htmlJakov_e_laldila.htmlJakov_e_il_10_segreto.htmlIl_Podbrdo_e_il_Krizevac.htmlPeter_Ljubicic_e_i_10_segreti.htmlRosario_per_la_pace.htmlFonti_dei_misteri.htmlLa_luce_nellanima.htmlPACE%21.htmlVoce_di_chi_non_ha_voce.htmlMadonna_del_miracolo.htmlS._Pio_da_Pietrelcina.htmlLEGGIAMO_LA_BIBBIA.htmlSTRUTTURA_DELLA_BIBBIA.htmlNuovo_Testamento.htmlLettere.htmlIl_buon_Samaritano.htmlPerche_Pietro.htmlAbramo_e_Isacco.htmlInno_alla_Carita.htmlSepolcri_imbiancati.htmlI_confini_dellamore.htmlCreazione_ed_evoluzione.htmlEducazione_alla_fede.htmlLanno_della_fede.htmlDEVOZIONI.htmlDEVOZIONI.htmlPreghiere.htmlLodi_mattutine.htmlAnnuario_ecclesiastico.htmlhttp://www.vatican.va/http://www.chiesacattolica.it/cci2009/index.htmlhttp://www.bibbia.net/shapeimage_19_link_0shapeimage_19_link_1shapeimage_19_link_2shapeimage_19_link_3shapeimage_19_link_4shapeimage_19_link_5shapeimage_19_link_6shapeimage_19_link_7shapeimage_19_link_8shapeimage_19_link_9shapeimage_19_link_10shapeimage_19_link_11shapeimage_19_link_12shapeimage_19_link_13shapeimage_19_link_14shapeimage_19_link_15shapeimage_19_link_16shapeimage_19_link_17shapeimage_19_link_18shapeimage_19_link_19shapeimage_19_link_20shapeimage_19_link_21shapeimage_19_link_22shapeimage_19_link_23shapeimage_19_link_24shapeimage_19_link_25shapeimage_19_link_26shapeimage_19_link_27shapeimage_19_link_28shapeimage_19_link_29shapeimage_19_link_30shapeimage_19_link_31shapeimage_19_link_32shapeimage_19_link_33shapeimage_19_link_34shapeimage_19_link_35shapeimage_19_link_36shapeimage_19_link_37shapeimage_19_link_38shapeimage_19_link_39shapeimage_19_link_40shapeimage_19_link_41shapeimage_19_link_42shapeimage_19_link_43shapeimage_19_link_44shapeimage_19_link_45shapeimage_19_link_46shapeimage_19_link_47shapeimage_19_link_48shapeimage_19_link_49shapeimage_19_link_50shapeimage_19_link_51shapeimage_19_link_52shapeimage_19_link_53shapeimage_19_link_54shapeimage_19_link_55shapeimage_19_link_56shapeimage_19_link_57shapeimage_19_link_58shapeimage_19_link_59shapeimage_19_link_60shapeimage_19_link_61shapeimage_19_link_62shapeimage_19_link_63shapeimage_19_link_64shapeimage_19_link_65shapeimage_19_link_66shapeimage_19_link_67shapeimage_19_link_68shapeimage_19_link_69shapeimage_19_link_70shapeimage_19_link_71shapeimage_19_link_72shapeimage_19_link_73shapeimage_19_link_74shapeimage_19_link_75shapeimage_19_link_76shapeimage_19_link_77shapeimage_19_link_78shapeimage_19_link_79shapeimage_19_link_80shapeimage_19_link_81shapeimage_19_link_82shapeimage_19_link_83shapeimage_19_link_84shapeimage_19_link_85shapeimage_19_link_86shapeimage_19_link_87shapeimage_19_link_88shapeimage_19_link_89shapeimage_19_link_90shapeimage_19_link_91shapeimage_19_link_92shapeimage_19_link_93shapeimage_19_link_94shapeimage_19_link_95shapeimage_19_link_96shapeimage_19_link_97shapeimage_19_link_98shapeimage_19_link_99shapeimage_19_link_100shapeimage_19_link_101shapeimage_19_link_102shapeimage_19_link_103shapeimage_19_link_104shapeimage_19_link_105shapeimage_19_link_106shapeimage_19_link_107shapeimage_19_link_108shapeimage_19_link_109shapeimage_19_link_110shapeimage_19_link_111shapeimage_19_link_112shapeimage_19_link_113shapeimage_19_link_114shapeimage_19_link_115shapeimage_19_link_116shapeimage_19_link_117shapeimage_19_link_118shapeimage_19_link_119shapeimage_19_link_120shapeimage_19_link_121shapeimage_19_link_122shapeimage_19_link_123shapeimage_19_link_124shapeimage_19_link_125shapeimage_19_link_126
I FUNGHI

Le cose che in un fungo è fondamen-tale osservare con attenzione sono il gambo, il cappello e l’imenio. Il gambo sorregge il cappello. Il cappello è ricoperto superiormente da una pellicina detta cuticola (più o meno separabile). L’imenio è la parte inferiore del cappello. L’imenio è la parte fertile del fungo e nella stragrande maggioranza dei casi è costituito da lamelle (fungo a sinistra) o da una “spugnetta” (tuboli e pori), come nel fungo a destra. I funghi che presentano un imenio a lamelle appartengono alla famiglia delle agaricacee. I funghi che hanno un imenio con tuboli e pori appartengono alla famiglia delle boletacee.


















IL QUINTO FUNGO MORTALE

A volte si verificano avvelenamenti mortali a seguito di ingestione di funghi diversi dal terribile quartetto. Premesso che in realtà non esiste una quinta specie mortale, tuttavia definisco QUINTO FUNGO un’intera categoria di funghi. Di essa fanno parte:

 Tutti i funghi tossici mangiati in quantità.

 Alcuni funghi leggermente tossici o addirittura commestibili da cotti, mangiati crudi in quantità.

 Qualsiasi fungo mangiato in quantità in stato di non buona conservazione (i funghi costituiscono un alimento facilmente deperibile e possono quindi provocare una grave intossicazione da cibi guasti.)

Morire di quinto fungo non è facile: oltre che ignorare i tre punti precedenti, occorre anche non ricorrere tempestivamente alle cure mediche.









COME RICONOSCERLI

Supponiamo di aver appena colto un fungo. Come possiamo escludere con assoluta certezza che si tratti di un cortinario o di un’amanita? Impariamo a conoscerli, per evitarli. Tutti e quattro i funghi mortali appartengono alla famiglia delle Agaricacee (presentano dunque un imenio a lamelle). Quindi, colto un fungo, la prima cosa da fare è girarne il cappello ed osservarne l’imenio. Se non è lamellare, allora possiamo essere certi che non è né un’amanita né un cortinario, e che se ne mangeremo (purché anche le indicazioni per evitare il “quinto fungo” vengano rispettate) non ne moriremo. Non siamo ancora al riparo da intossicazioni varie, ma un notevole passo avanti lo abbiamo già fatto con la semplice osservazione del fungo capovolto. Intossicazioni a parte (e come evitare anche queste lo vedremo prossimamente) dunque, per non morire di funghi è sufficiente non cibarsi di quelli lamellati. C’è però un grosso inconveniente: la stragrande maggioranza dei funghi appartiene proprio alla famiglia delle Agaricacee, rinunciando alla quale si rinuncia praticamente a raccogliere funghi. Occorre pertanto isolare il famigerato quartetto in un raggruppamento più ristretto che non l’intera famiglia.

                      


La risposta


per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI 


risposta a Flavio Arnaudo
In assenza totale del cappello, l’unica cosa che posso dirti con sicurezza è che si tratta di un fungo ‘ocrosporeo’ per via delle tracce ruggine lasciate sul gambo dalle spore di quel colore. Quasi sicuramente appartiene al genere Cortinarius ma, essendo il gambo viscido, non si tratta, per fortuna, del sottogenere “Cortinarius” (nessun errore, tranquillo, il genere “Cortinarius” include i sottogeneri Cortinarius - Myxacium - Phlegmacium - Dermocybe - Telamonia e Hydrocybe) che comprende il micidiale “Cortinarius Orellanus”, grande assassino.
Per questa affermazione mi baso su quanto mi riferisci circa la viscosità del gambo, che inquadra il tuo fungo tra i Myxacium. Azzardo anche che potrebbe trattarsi di un Cortinarius Myxacium Trivialis o Salor, entrambi non commestibili, ma non velenosi.
Nella foto si vede chiaramente che parte del gambo è stato mangiato da una chiocciola o da una lumaca. Ciò da un lato tranquillizza su chi abbia pasteggiato con il cappello del fungo (ma nel tuo giardino debbono essercene diverse: papparsi un intero cappello, sia pure di piccola taglia, non è impresa di uno o due individui), ma dall’altro potrebbe far sorgere il dubbio che la viscosità che hai rilevato sia stata lasciata lì dalle lumache, visto anche l’abbondante rugiada (o residuo di pioggia) presente sull’erba intorno. Non mi hai poi detto che tipo di cane hai. E’ in grado di mangiare “chirurgicamente” il cappello di un piccolo fungo lasciando in piedi il gambo, saldamente infisso nel terreno?
Di Cortinarius Orellanus rinvenuti dalle tue parti non ho notizia, comunque vigila sul tuo giardino e non dimenticare le poche, semplici regole salvavita indicate in questa pagina, e nella collegata “I funghi velenosi” (non mortali).


















I cortinari sono funghi non buoni, quasi sempre amari, brutti da vedere, comprendono diverse specie tossiche e l’Orellanus è il più subdolo e pericoloso tra i funghi velenosi mortali. Per questo, presenteremo un’unica eccezione alla regola:




 RICONOSCI SUBITO UN CORTINARIO E LASCIALO LI’





Le amanite, a parte le rare e piccole volvaria, sono gli unici funghi a possedere una volva, la cui presenza, quindi, ne individua immediatamente il genere.




Se trovi un fungo slanciato che ha la volva, è un’amanita: lasciala lì.




Quindi, se trovi un fungo che SEMBRA non avere la volva, non fidarti ancora: osserva se ha l’anello e soprattutto il colore delle lamelle. Se ha l’anello e nello stesso tempo le lamelle sono bianche, è un’amanita: lasciala lì!


Attenzione


Quindi, se trovi un fungo che SEMBRA non avere la volva, non fidarti ancora: osserva se ha l’anello e soprattutto il colore delle lamelle. Se ha l’anello e nello stesso tempo le lamelle sono bianche, è un’amanita: lasciala lì!




Attenzione

La risposta


per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI 


risposta a Nik
Questa pagina è dedicata ai quattro funghi che non perdonano: quando i primi sintomi dell’avvelenamento si manifestano, il fegato e/o i reni sono già andati. L’Amanita Muscaria, pur essendo un fungo velenoso, non è stata inclusa tra i “grandi assassini” perché i sintomi del pur grave avvelenamento si manifestano entro un paio d’ore, consentendo un tempestivo intervento salvavita. Di essa parlo nella pagina “I funghi velenosi” spiegando come non restare avvelenati dai funghi ad azione tossica rapida. In terza battuta, poi, nella pagina “I funghi tossici”, in preparazione, si vedrà come evitare anche le intossicazioni leggere.



La risposta


per inviare una domanda o un commento, CLICCA QUI 

risposta a Roby
Carissimo Roby, i funghi non nascono per essere colti da noi, ma svolgono una loro precisa funzione in natura, vivendo in simbiosi micorrizica con le piante circostanti. In parole povere, mentre il fungo s’avvantaggia delle sostanze che trae dalle radichette dell’albero, avvolgendo queste ultime con le loro ife (diciamo, molto impropriamente, le loro radici), cosa che non le danneggia, anzi le rende più adatte ad assorbire calcio, azoto, fosforo e potassio, la pianta a sua volta cresce più rigogliosa e più resistente a parassiti e malattie.
Quindi, prendiamo pure i funghi utili che troviamo, ma gli altri lasciamoli al bosco!








C. ORELLANUS

fungo velenoso mortale





C. ORELLANUS

fungo velenoso mortale





C. ORELLANUS

fungo velenoso mortale







http://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/I_funghi_velenosi_mortali.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/I_funghi_velenosi_mortali.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/I_funghi_velenosi_mortali.htmlI_funghi_velenosi.htmlI_funghi_velenosi.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlI_funghi_velenosi.htmlI_funghi_velenosi.htmlhttp://www.parliamoneinsieme.it/parliamoneinsieme.it/Domande_sui_funghi.htmlshapeimage_20_link_0shapeimage_20_link_1shapeimage_20_link_2shapeimage_20_link_3shapeimage_20_link_4shapeimage_20_link_5shapeimage_20_link_6shapeimage_20_link_7shapeimage_20_link_8shapeimage_20_link_9