MEDJUGORJE

 
 


I VEGGENTI

    Le apparizioni di Medjugorje cominciarono nel Giugno del 1981 a sei bambini, la prima volta il giorno 24. Il giorno seguente sulla collina del Podbrdo tornarono solamente quattro di quei bambini, ma poiché nel frattempo se ne erano aggiunti altri due, il 25 Giugno 1981 - data assunta come anniversario delle apparizioni -  erano ancora sei i bambini ai quali la Madonna appare da allora. I sei veggenti sono Vicka Ivankovic (essendo nata il 3 Settembre 1964, oggi ha 53 anni), Mirjana Dragicevic (essendo nata il 18 Marzo 1965 oggi ha 52 anni), Marija Pavlovic (essendo nata il 1° Aprile 1965 oggi ha 52 anni), Ivan Dragicevic (nato il 25 Maggio 1965 oggi ha 52 anni), Ivanka  Ivankovic (essendo nata il 21 Giugno1966 oggi ha 51 anni) e Jakov Colo che, essendo nato il 6 Marzo 1971, oggi ha 46 anni.
    Vicka ha due figli e abita a Citluc, vicino a Medjugorje. Mirjana ha due figli ed abita a Medjugorje. Marija ha quattro figli e abita a Monza. Ivan ha quattro figli e abita per la maggior parte del tempo a Boston. Jakov ha tre figli e per la maggior parte del tempo vive a Medjugorje.


I DIECI SEGRETI

    Ai veggenti la Madonna affida dei messaggi (nella colonna a destra pubblico gli ultimi) e ha affidato dieci segreti. Riguardano il futuro dell’umanità. Un futuro non lontanissimo, come vedremo, un trentennio al massimo.

    Si tratta di dieci avvenimenti che verranno rivelati tre giorni prima che accadano, il che consentirà di verificarne la veridicità. I messaggi da 36 anni invitano incessantemente e urgentemente alla conversione e a tornare a Dio, senza aspettare il verificarsi dei primi avvenimenti, perché potrebbe essere troppo tardi.

    Questa la modalità: per indicazione della Madonna, dieci giorni prima dell’avvenimento Mirjana lo confiderà a un sacerdote di sua scelta. Insieme pregheranno e digiuneranno per sette giorni, e tre giorni prima dell’avvenimento lo renderanno noto.

    Il fatto è che il sacerdote, Mirjana l’ha già scelto: è padre Petar Ljubici, un frate francescano che oggi ha 71 anni. Augurandogli di vivere fino a 101 anni, ecco che il trentennio di cui dicevo salta fuori.

    Se il termine ultimo scade al massimo nel 2047, qual è il termine minimo? Semplice: quattro giorni dopo che avrete letto queste note.


Qui di seguito riporto una famosa intervista a padre Petar Ljubici.

• Padre Petar, la veggente Mirjana ha scelto Lei per rivelare i segreti che la Madonna le ha affidato. Se ne sente onorato o ne ha paura? 
Quando una sera di circa 25 anni fa, a Medjugorje, ho sentito che Mirjana mi aveva scelto per rivelare i segreti, all'inizio ho creduto ad uno scherzo. Dissi che era una cosa molto seria su cui non si è soliti scherzare. Ma poi ho continuato a pensarci. Mi chiedevo: Può essere realmente vero? Tutto questo non mi lasciava indifferente. Per me era strano immaginare il motivo per cui Mirjana dovesse scegliere proprio me. Lo consideravo un grande onore, ma anche una grande responsabilità Non riesco a spiegare perché, ma non avevo paura. Quando poi ho incontrato Mirjana, lei mi ha chiesto: "Sai che quando verrà il momento sarai tu a rivelare i segreti?". Un pensiero mi attraversò la mente: "Ma ti sembra possibile?". Mi riesce difficile trovare le parole adatte per esprimere le mie sensazioni in quel momento. So solo che fui attraversato da una sensazione di felicita e di sicurezza. 

• Che cosa ci può dire dei segreti e del loro contenuto? Che messaggio racchiudono? Quando saranno svelati?
I segreti, come dice la parola, sono segreti. Non sappiamo nulla del loro contenuto. Si può solo dire che i segreti riguardano avvenimenti che accadranno in un determinato luogo e in un determinato tempo. Ma che cosa succederà, non lo sappiamo. Quindi non dovremmo neanche almanaccare su questo. Dovremmo considerare l'esistenza di questi segreti come un aiuto per noi, affinché prendiamo seriamente la vita che Dio ci ha donato e sfruttiamo il tempo per la nostra salvezza e per la salvezza della nostra anima. Questo significa per noi vivere in modo tale da poterne rendere conto davanti a Dio in qualsiasi momento. Se viviamo così, siamo sempre pronti ad incontrare Dio e ad andare dinanzi a Lui. Per questo non dobbiamo neanche avere paura della rivelazione dei segreti e non è necessario interrogarsi sul "quando". 

• Lei rivelerà tutti e dieci i segreti. Ci può dire come lo farà? La Madonna ha promesso di lasciare un segno visibile e duraturo. Quale segreto sarà?
Quando verrà il momento di rivelare il primo segreto, dieci giorni prima Mirjana mi consegnerà una specie di pergamena, di dimensioni di un A4, sulla quale saranno elencati in dettaglio tutti segreti. Quindi leggerò il primo segreto e scoprirò che cosa accadrà dopo 10 giorni. Ora il mio compito sarà di pregare e digiunare per sette giorni. Dopo questi sette giorni mi sarà possibile divulgare tale informazione. Dovrò annunciare di che si tratta e quando e dove accadrà. Parlando con me, Mirjana ha messo in evidenza che i primi due segreti riguardano Medjugorje. Contengono un'ammonizione e un importante avvertimento destinati ai fedeli della parrocchia di Medjugorje. Se questi due segreti si avvereranno, ognuno saprà che i veggenti hanno detto la verità e dovremo qualificare le apparizioni come autentiche. Il terzo segreto sarà un segno visibile sulla collina delle apparizioni, il Podbrdo. Tutti coloro che hanno creduto nelle apparizioni e su di esse hanno orientato la loro vita, ne gioiranno molto. Ma per tutti gli uomini sarà un segno di conversione. Non dobbiamo dimenticare che questo tempo è un tempo di conversione e di preghiera. È un tempo di purificazione spirituale e un tempo di scelta gioiosa di Dio. Perciò vorrei sottolineare ancora una volta che non dobbiamo aspettare a convertirci. Se per esempio aspettiamo prima il segno, per noi potrebbe essere troppo tardi. 

• Che cosa accadrà, secondo Lei, dopo la rivelazione dei primi tre segreti? Che cosa ne scaturirà per Medjugorje?
Come ho già detto, queste apparizioni ci aiutano a capire che ogni momento della nostra vita è importante. Lo dobbiamo vivere in totale dedizione a Dio e benedirlo con la nostra preghiera. Questo significa scegliere sempre Dio. Così porteremo più facilmente il peso della vita. Penso che la rivelazione dei segreti ci aiuterà tutti a diventare più seri e più consapevoli delle nostre responsabilità. Sicuramente ci saranno segni eccezionali, straordinari, e grandi conversioni. Tutte le conversioni e tutte le guarigioni corporee e spirituali che si sono verificate tino ad oggi sono la dimostrazione che il Cielo si è aperto su Medjugorje e la Regina della Pace è venuta da noi. La rivelazione dei segreti sarà per lutti un grande conforto e una grande gioia. Soprattutto saranno felici quelli che hanno creduto e si sono sforzati di vivere secondo il Vangelo di Gesù Cristo. È un dato di fatto che ogni anno migliaia e migliaia di pellegrini vengono a Medjugorje. Quando inizierà la divulgazione dei segreti, sicuramente verranno ancora più persone; probabilmente anche quelle che finora non hanno dimostrato alcun interesse. In ogni caso il futuro di Medjugorje sarà positivo. Diventerà ancora di più una calamita spirituale. 

• Sconvolgenti conversioni e straordinaria guarigioni sono la dimostrazione che le apparizioni sano autentiche. La rivelazione dei segreti sarà determinante per il riconoscimento ecclesiastico?
Secondo la mia più profonda convinzione, a Medjugorje ci sono prove sufficienti e valide per l'autenticità delle apparizioni. Lei ha appena parlato di conversioni e guarigioni. Per un riconoscimento, oltre a diverse altre circostanze, sono sufficienti già due guarigioni straordinarie che siano scientificamente documentate. Finora a Medjugorje possiamo enumerare centinaia di guarigioni. Un medico di Milano ha già pubblicato tre libri su queste guarigioni.
Ho descritto le mie esperienze personali con i tanti pellegrini di Medjugorje nei libri “La chiamata della Regina della Pace” e “Questo è il tempo della grazia”. Intanto, da oltre dieci anni, vivo all'estero e incontro persone che mi testimoniano come non potrebbero più immaginare la loro vita senza la Regina della Pace. Parlano di indescrivibili giorni di grazia a Medjugorje. Alcuni, che sortivano di malattie inguaribili, sono stati guariti. Questa è una prova che a Medjugorje Dio è all'opera con l'intercessione della Madonna.
Sicuramente Lei ha ragione quando suppone che la rivelazione dei segreti avrà un'importanza determinante per il riconoscimento ecclesiastico. 

• Pensa che ci sia un nesso spaziale e temporale tra le apparizioni della Madonna a Medjugorje e gli avvenimenti nella ex Jugoslavia e in Europa?
Sono dell'idea che esista una tale relazione. La Madonna non è venuta a Medjugorje per caso. Il 19.1.1982 una veggente mi ha confidato che la Madonna le aveva detto che il totalitarismo comunista (la dittatura) sarebbe crollato. Ci sarebbe stata una guerra, ma la Croazia sarebbe stata libera.

La Madonna ci aveva invitato a pregare affinché questa tragedia non diventasse così grave. Ma purtroppo non abbiamo seguito questo invito alla preghiera e alla conversione. Perciò abbiamo dovuto piangere molte vittime prima di raggiungere la libertà. Secondo me, tutto si sarebbe svolto in modo molto diverso se avessimo risposto alle preghiere della Madonna.
Ci sono state e ci sono persone che addirittura combattono contro queste apparizioni con tutti i mezzi a loro disposizione. Io mi chiedo: perché? Dovremmo rallegrarci di ogni conversione e di ogni intervento divino. Come si possono ignorare segni così positivi come le guarigioni e le conversioni?



Dalla Newsletter di Padre Livio del 15 febbraio 2017

Mi ricordo che quando ci fu la rivelazione del segreto di Fatima e in quel luogo si celebrò la Santa Messa per la beatificazione di Giacinto e di Francesca, la lettura che fu scelta era tratta dal capitolo 12 dell’Apocalisse, quello in cui si parla del “grande segno apparso nel cielo: “una Donna vestita di sole” e nel medesimo tempo il “drago”, il dragone infernale che la attacca. 
Quindi i tempi in cui viviamo sono quelli dell’attacco del “mistero di iniquità” all’opera divina della creazione, della redenzione e della santificazione, che ha come epicentro, come suo punto d’arrivo proprio l’umanità, che è stata creata il sesto giorno come culmine della creazione. C’è, appunto, l’attacco dell’angelo ribelle e delle potenze del male che lo seguono, per distruggere l’opera di Dio. 

Questi sono i tempi profetizzati da tanti santi. I tempi dello scatenamento del drago, profetizzati anche dalla Regina della Pace anche in tutte le sue grandi apparizioni, cominciando da quella che Jean Guitton – grande teologo e filosofo francese -, riteneva l’inizio dei tempi di Maria profetizzati dal Monfort, cioè le apparizioni a Rue du Bac, a Parigi, dove la Madonna apparve a Santa Caterina Labouré con in mano un globo, la Terra, che Ella offriva con le due mani a Dio, mentre poggiava i piedi su un emisfero, mentre Lei calpestava una serpe. 

Siamo nel 1890, i tempi delle grandi rivoluzioni, che furono anche grandi spinte verso l’apostasia dell’Europa dal cristianesimo. 
Questa immagine profetica dei tempi moderni, che è raffigurata anche nella “Medaglia Miracolosa”, che Maria ha fatto coniare, stanno a indicare la grande lotta escatologica dei tempi moderni che ha come protagonisti proprio satana e la Madonna. La Madonna inviata da Dio per schiacciargli la testa, per soccorrere la Chiesa e sostenere l’umanità intera in questo devastante attacco del drago.

Ma noi ci chiediamo, in che fase siamo ora? Guardate che non lo sappiamo leggendo i giornali; non lo sappiamo andando a frugare in chissà quale profezia! Però abbiamo questa grazia, che è la presenza della Regina della Pace! Perché c’è un piano unico che va da Fatima a Medjugorje. 
La Madonna già a Fatima aveva profetizzato quello che sarebbe accaduto nel Novecento. Apparendo a Fatima aveva gettato la sua luce di speranza sul secolo, ma nel medesimo tempo ci aveva indicato la via per evitare le sciagure che sarebbero arrivate. E sono arrivate attraverso il comunismo, il nazismo, la Guerra mondiale e attraverso tutte le manifestazioni infernali che hanno devastato l’umanità in quel secolo. Già nell’apparizione di Fatima la Madonna  ci aveva avvertiti che se ci fossimo convertiti non avremmo avuto la tragedia della Seconda Guerra mondiale.

E abbiamo visto come la Regina della pace ci ha accompagnato durante tutti questi 36 anni a Medjugorje e ha realizzato quella profezia che già dall’inizio, nell’ottobre del 1981, aveva preannunciato, e cioè che il popolo russo sarebbe stato il popolo che più avrebbe onorato Dio, e che invece l’Occidente avrebbe realizzato il progresso tecnico, ma senza Dio, come se Dio non fosse il Creatore. Questo è quello che sta avvenendo. Ma nel medesimo tempo (nel gennaio del 1981), la Madonna aveva preannunciato la grande battaglia in cui Satana sarebbe stato sconfitto grazie alla preghiera e al digiuno di tanti, e che avrebbe approfittato della caduta del comunismo  per distruggere la terra provocando una Terza Guerra mondiale (che sarebbe stata l’ultima), ma proprio nel 1991 la madonna ha realizzato il suo piano con la caduta dell’Impero del male, la liberazione della Chiesa imprigionata, perseguitata e distrutta nei paesi dell’Est. Ecco che la Madonna lo ha realizzato!

Ma, ecco il punto della questione. Noi ci domandiamo: in che fase siamo ora? Siamo nella fase già preannunciata da Giovanni Paolo II, quella del nuovo totalitarismo, cioè della ribellione globale dell’umanità nei confronti di Dio; del tentativo dell’uomo di sostituirsi a Dio e indicare sé stesso come Dio. Ma la madonna ci aveva avvertiti che quando l’uomo indica sé stesso come Dio, è Satana che vuol prendere il posto di Dio! Questa è la fase acuta che stiamo vivendo. E la Madonna, già qualche settimana fa, cioè il 25 gennaio 2017, ci ha descritto, ci ha rivelato meravigliosamente come le cose si vedono dal cielo. Così, nel caso dormissimo sonni tranquilli, ci ha detto che “Satana è forte e vuol farvi rivoltare tutti contro Dio”.

Riflettiamo su questa frase: “L’angelo ribelle vuole portare il mondo alla ribellione globale contro Dio. In pratica una apostasia globale. Una ribellione globale contro Dio, contro i suoi comandamenti, contro quello che è la sintesi dei comandamenti, che è il comandamento dell’Amore! L’amore di Dio e l’amore del prossimo. E quindi soffocare qualsiasi dimensione soprannaturale, trascendente, dell’essere umano. E quindi riportarci su tutto ciò che è umano, come se l’uomo fosse il padrone del mondo, il padrone del suo destino e come se la vita fosse solo quella che viviamo qui. Perciò niente Dio, niente al di là, niente anima immortale, niente infinito, niente di nulla! Soltanto l’uomo e i suoi bisogni materiali. E devastare tutto ciò che c’è di buono, di santo, di giusto nell’umanità. Distruggerne il cuore e tutti i sentimenti verso Dio e le cose di Dio. Questo, cari amici, è quello che oggi avviene!

Chi conosce i messaggi di Medjugorje sa che la Madonna non parla mai a vanvera, non parla mai a caso. Parla come una madre che mette in guardia i suoi figli e come Colei che è stata incaricata da Dio a combattere il serpente e la sua potenza di seduzione e di inganno. Per cui questo è un momento difficile. È un momento molto difficile! Satana vuol distruggere la fede, vuol distruggere la morale e i comandamenti; vuol distruggere nei cuori tutto ciò che c’è di buono, di giusto e di santo; vuol fare dei cuori degli uomini un nido di serpi, di serpi infernali! Vuole trasformare la terra in un inferno e poi farci morire tutti in queste fiamme dell’odio, della violenza, della superbia e portarci tutti nel suo regno di morte! Questo è il progetto di Satana! E non è che siamo lontani dalla Sacra Scrittura quando diciamo queste cose: è esattamente quello che emerge nei testi del nuovo testamento, in particolare dell’Apocalisse. Quindi questo è un momento di grande lotta, cari amici! “Satana è forte e vuol fare rivoltare tutti contro Dio e portarvi su tutto ciò che è umano, e distruggere nei cuori i sentimenti verso Dio e le cose di Dio”.

Questo noi lo vediamo. Vediamo la distruzione della fede, per cui dire che Dio esiste, essere uomo di fede, oggi è pericoloso! Bisogna essere tutti ridimensionati. Bisogna essere tutti allineati. Bisogna essere tutti sudditi dell’impero delle tenebre, del pensiero unico e delle mode che si sono sostituite ai comandamenti! (Bisogna essere politicamente corretti! Ndt). Questa è la realtà. Bisogna che ci inchiniamo alla distruzione della dignità della persona umana, della grandezza dell’uomo fatto a immagine di Dio e alla capillare, sistematica e implacabile distruzione della famiglia, che è il cardine della creazione divina! Questo è quello che avviene sotto i nostri occhi: la distruzione dell’uomo come immagine di Dio, la distruzione della famiglia, degli uomini, degli animali, mettendo sul trono il dio mammona. È il tempo della più grande apostasia della storia! È il tempo della più grande ribellione dell’uomo contro Dio! È dai tempi del diluvio che non si vedeva una cosa di questo genere! Per fortuna che Dio trovò Noè e i suoi che erano fedeli a lui!

Detto questo, cari amici, non significa che adesso noi dobbiamo aver paura! Paura di che cosa? Non dobbiamo aver paura di niente. Noi dobbiamo rivestirci della luce e della forza di Dio. Non imboscarci, perché se ci imboschiamo perdiamo l’anima. Se ci imboschiamo perdiamo la vita eterna. Se tardiamo perdiamo il biglietto per il paradiso, se mi permettete questa battuta.  
Abbiamo una sola possibilità, che è poi quella dettata dalla fedeltà, dall’amore  e dall’amicizia con Dio, e cioè quella di essere forti nella fede e saldi nell’osservanza dei comandamenti, di essere fedeli e pazienti, di essere testimoni , di essere mani tese, testimoni della fede, apostoli dell’amore, messaggeri della pace, mani gioiosamente tese nelle opere di misericordia. 

Questo è il tempo della testimonianza, della preghiera e della lotta. Per questo la Madonna dice: “Voi, figlioli, pregate e lottate”. Avete capito bene? Preghiamo e lottiamo! Aiutiamo la Madonna ad aiutarci! Aiutiamo la Madonna in questa testimonianza per tenere accesa la luce nel momento delle tenebre, della menzogna e della morte. Approfittiamo di questa grazia immensa di avere in mezzo a noi la Regina della Pace, che ci accompagna, ci aiuta, ci rafforza nella fede, che intercede per noi, ci accoglie sotto il suo manto, che ci concede le grazie della sapienza, del discernimento e della fortezza. Non disprezziamo questa grazia immensa della presenza della Madonna! Perché sarà lei a salvare la nostra generazione dall’attacco del potere delle tenebre. E chi ci salverà, se non Lei? Chi ci aiuterà, se non Lei? Nessun altro potrebbe farlo, perché Dio ha incaricato Lei di salvare questa nostra generazione dalla più grande apostasia della storia del cristianesimo. Dio ce l’ha data in dono come Madre e Maestra che accompagna il cammino della Chiesa e come Colei che dà la speranza, che incoraggia ed è vittoriosa.

Quello che abbiamo dietro alle spalle, cari amici, altro non è che non una serie di grandi eventi che testimoniano la vittoria del suo Cuore Immacolato. Non è che la Madonna vincerà, ma ha già vinto. Ha già compiuto una grande parte del suo programma: quello che ha rivelato a Fatima, e cioè che alla fine il suo Cuore Immacolato avrebbe trionfato. Questo trionfo si realizza giorno per giorno, evento per evento. Nel momento in cui Satana fa rivoltare tutti contro Dio, volendo spegnere il soprannaturale, in quello stesso momento la Madonna sparge le grazie della santità, del risveglio della fede, della bontà, dell’eroismo, e cosparge la devastazione del Demonio con il sangue dei martiri, come è profetizzato nella parte finale del terzo segreto di Fatima, in cui è detto: “Gli angeli sul Calvario raccolgono il sangue  dei martiri in anfore e poi li riversano sulle anime perché siano purificate e si avvicinino a Dio”. 
La Madonna ha già vinto, sta vincendo e vincerà. Però ha bisogno di noi. Ecco perché ci dice: “Pregate e lottate!”. Usciamo fuori dalla paura e dai calcoli, che non servono a niente. Questo è il tempo nel quale dobbiamo essere coraggiosi nella fede e il tempo della testimonianza. Una testimonianza piena di amore, umile ma tenace!

Quindi preghiamo e lottiamo nel nome di Dio con lo stendardo di Maria! Preghiamo e lottiamo tutti, anziani, piccoli, grandi, giovani, gli ignoranti, i dotti, eccetera. Tutto l’esercito di Maria deve pregare e lottare nella grande battaglia della fede, della speranza e della carità, contro il materialismo, il modernismo e l’egoismo, rimanendo saldi in Gesù Cristo, saldi nella fede, fedeli servitori di Gesù con Maria. 

La Madonna, nel messaggio che ha dato a Mirjana il 2 febbraio 2017, ha detto: “Questa è l’unica speranza per voi”. Cioè, il fatto che voi siate - in questo tempo di tenebra e di attacco del male - quelli che ogni giorno presentano a mio Figlio la vostra vita; il fatto che noi siamo quelli che proviamo a vivere con Lui; il fatto che noi siamo quelli che preghiamo e ci sacrifichiamo; proprio per questo noi siamo la speranza. Non qualcosa di scomodo come un bruscolo nell’occhio di questo mondo, ma la speranza per questo mondo inquieto! Siamo il vangelo vivente, siamo i suoi cari apostoli dell’amore.

Per questo la Madonna dice: “Facendo così voi aiutate quelli che non conoscono mio Figlio”, e questa,  è l’unica speranza per voi! Non possiamo pensare che la Madonna possa salvare la nostra generazione senza di noi! 
Ci salva con il nostro aiuto! Ed è anche la sola via per la vita eterna. 
E poi apprezziamo quello che la Madonna ci dice: “Io come Madre sono qui con voi”. Non sappiamo quanto durerà la battaglia. Durerà a seconda dell’intensità della nostra risposta. Se noi invece di pregare e lottare guardiamo la televisione e andiamo al cinema, allora, buona notte! Ma è chiaro che se pregheremo e lotteremo, i tempi della vittoria si abbrevieranno. Dobbiamo perciò svegliarci dal sonno stanco delle nostre anime!

Vorrei dire alle famiglie di resistere, di pregare, di stare unite, di educare i figli, di resistere all’ondata di fango che si abbatte sul mondo, al dilagare della tenebra e della menzogna. Vivete nelle parrocchie come vivevano i primi cristiani, perseveranti nella preghiera, nell’Eucaristia, nella carità verso gli altri. Solo così avremo il miracolo per cui la Madonna si servirà della Chiesa rinata, rinnovata e fervente di fede per salvare la nostra generazione. L’unico nemico che abbiamo – come dice Papa Francesco – è il diavolo, il principe del male. Ma con Maria vinceremo la grande battaglia. 

Ricordate quanto disse la Madonna a Rue du Bac: “Quando tutto sembrerà perduto, allora io interverrò”. E lo farà con la sua potenza di grazia. La madonna è apparsa a Medjugorje quando tutto sembrava perduto. Infatti, con la potenza che l’uomo ha nelle sue mani,  la terra potrebbe scomparire da un momento all’altro.
In questo ultimo anno e mezzo in particolare la Madonna è intervenuta più volte per dirci di non perdere la speranza. 
Nel messaggio a Mirjana del 2 febbraio la Madonna ha detto tre volte la parola speranza. E ha terminato il messaggio dicendo: “C’è speranza”. E chi è la speranza? È Lei! “Salve, regina, Madre di misericordia, vita, dolcezza e speranza nostra, salve”.
Questa è la nostra unica speranza! 


I DIECI SEGRETI DI MEDJUGORJE

Parliamoneinsieme


INDICE DEGLI ARGOMENTI


  1. Silenzio Muto

  2. I funghi velenosi mortali

  3. I numeri e la matematica

  4. Primo Levi

  5. Vite minuscole

  6. Giovanni Floris - Susanna Tamaro - Gianrico Carofiglio - Emanuele Tonon

  7. Bijoy Jain

  8. Margherita Lazzati

  9. Beatrice Niccolai

  10. Scalfari, Gesù e papa Francesco

  11. Eremi Celestiniani

  12. Medjugorje

  13. La Bibbia è una biblioteca

  14. Genesi

  15. Esodo

  16. Levitico

  17. Numeri

  18. Rosario per la pace

  19. Liturgia delle Ore









GLI ULTIMI MESSAGGI



2 Gennaio 2018
"Cari figli, quando sulla terra viene a mancare l’amore, quando non si trova la via della salvezza, io, la Madre, vengo ad aiutarvi a conoscere la vera fede, viva e profonda; ad aiutarvi ad amare davvero. Come Madre, anelo al vostro amore reciproco, alla bontà e alla purezza. È mio desiderio che siate giusti e che vi amiate. Figli miei, siate gioiosi nell’animo, siate puri, siate bambini! Mio Figlio ha detto che ama stare tra i cuori puri, perché i cuori puri sono sempre giovani e lieti. Mio Figlio vi ha detto di perdonare e di amarvi. So che non è sempre facile: la sofferenza fa sì che cresciate nello spirito. Per crescere il più possibile spiritualmente, dovete perdonare ed amare sinceramente e veramente. Molti miei figli sulla terra non conoscono mio Figlio, non Lo amano. Ma voi, che amate mio Figlio e Lo portate nel cuore, pregate, pregate e, pregando, percepite mio Figlio accanto a voi: la vostra anima respiri il suo Spirito! Io sono in mezzo a voi e parlo di piccole e grandi cose. Non mi stancherò di parlarvi di mio Figlio, amore vero. Perciò, figli miei, apritemi i vostri cuori, permettetemi di guidarvi maternamente. Siate apostoli dell’amore di mio Figlio e del mio. Come Madre vi prego: non dimenticate coloro che mio Figlio ha chiamato a guidarvi. Portateli nel cuore e pregate per loro. Vi ringrazio!"


25 Dicembre 2017

"Cari figli! Oggi, in questo giorno di grazia, vi invito a chiedere al Signore il dono della fede. Figli miei, decidetevi per Dio e iniziate a vivere e a credere in ciò a cui Dio vi invita. Credere, figli miei, significa abbandonare le vostre vite nelle mani di Dio, nelle mani del Signore che vi ha creati e che vi ama immensamente. Non siate credenti soltanto con le parole ma vivete e testimoniate la vostra fede attraverso le opere e con il vostro esempio personale. Parlate con Dio come con il vostro Padre.
Aprite e offrite i vostri cuori a Lui e vedrete come i vostri cuori cambieranno e
potrete ammirare le opere di Dio nella vostra vita. Figli miei, non c'è vita senza Dio e perciò come vostra Madre intercedo e prego mio Figlio affinché rinnovi i vostri cuori e riempia la vostra vita con il Suo amore immenso."

25 Ottobre 2017

"Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito ad essere preghiera. Tutti avete problemi, tribolazioni, pene e inquietudini. I santi vi siano modello ed esortazione alla santità, Dio vi sarà vicino e voi sarete rinnovati con la ricerca e la conversione personale. La fede sarà per voi speranza e la gioia regnerà nei vostri cuori. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.


2 Ottobre 2017

“Cari figli, io vi parlo come Madre: con parole semplici, ma colme di tanto amore e sollecitudine per i miei figli, che per mezzo di mio Figlio sono affidati a me. Mio Figlio invece, che viene dall’eterno presente, lui vi parla con parole di vita e semina amore nei cuori aperti.  Perciò vi prego, apostoli del mio amore: abbiate cuori aperti, sempre disposti alla misericordia e al perdono. Perdonate sempre il prossimo secondo mio Figlio, perché così la pace sarà in voi. Figli miei, preoccupatevi della vostra anima, perché essa è l’unica realtà che vi appartiene davvero. State dimenticando l’importanza della famiglia. La famiglia non dovrebbe essere luogo di sofferenza e dolore, ma luogo di comprensione e tenerezza. Le famiglie che cercano di vivere secondo mio Figlio, vivono nell’amore reciproco. Fin da quando era ancora piccolo, mio Figlio mi diceva che tutti gli uomini sono per lui dei fratelli. Perciò ricordate, apostoli del mio amore, che tutte le persone che incontrate sono per voi la vostra famiglia, dei fratelli secondo mio Figlio. Figli miei, non perdete tempo pensando al futuro e preoccupandovi. La vostra unica preoccupazione sia come vivere bene ogni istante secondo mio Figlio, ed ecco la pace! Figli miei, non dovete mai dimenticare di pregare per i vostri pastori. Pregate affinché possano accogliere tutti gli uomini come loro figli, in modo che, secondo mio Figlio, siano per loro dei padri spirituali. Vi ringrazio!”

25 Settembre 2017

"Cari figli! Oggi vi invito ad essere generosi nella rinuncia, nel digiuno e nella preghiera per tutti coloro che sono nella prova, e sono vostri fratelli e sorelle. In modo particolare vi chiedo di pregare per i sacerdoti e tutti i consacrati affinché con più ardore amino Gesù, affinché lo Spirito Santo riempia i loro cuori con la gioia, affinché testimonino il Cielo e i misteri celesti. Molte anime sono nel peccato perché non ci sono coloro che si sacrificano e pregano per la loro conversione. Io sono con voi e prego per voi perché i vostri cuori siano riempiti di gioia. Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.




"Cari figli, io vi parlo come Madre: con parole semplici, ma colme di tanto amore e sollecitudine per i miei figli, che per mezzo di mio Figlio sono affidati a me. Mio Figlio invece, che viene dall’eterno presente, lui vi parla con parole di vita e semina amore nei cuori aperti. Perciò vi prego, apostoli del mio amore: abbiate cuori aperti, sempre disposti alla misericordia e al perdono. Perdonate sempre il prossimo secondo mio Figlio, perché così la pace sarà in voi. Figli miei, preoccupatevi della vostra anima, perché essa è l’unica realtà che vi appartiene davvero. State dimenticando l’importanza della famiglia. La famiglia non dovrebbe essere luogo di sofferenza e dolore, ma luogo di comprensione e tenerezza. Le famiglie che cercano di vivere secondo mio Figlio, vivono nell’amore reciproco. Fin da quando era ancora piccolo, mio Figlio mi diceva che tutti gli uomini sono per lui dei fratelli. Perciò ricordate, apostoli del mio amore, che tutte le persone che incontrate sono per voi la vostra famiglia, dei fratelli secondo mio Figlio. Figli miei, non perdete tempo pensando al futuro e preoccupandovi. La vostra unica preoccupazione sia come vivere bene ogni istante secondo mio Figlio, ed ecco la pace! Figli miei, non dovete mai dimenticare di pregare per i vostri pastori. Pregate affinché possano accogliere tutti gli uomini come loro figli, in modo che, secondo mio Figlio, siano per loro dei padri spirituali. Vi ringrazio! "












   











 

aggiornato al

11 gennaio 2018